lunedì 9 giugno 2014

Riflettendo su "Capital" di Piketty, di David Harvey

riceviamo e pubblichiamo



Riflettendo su "Capital" di Piketty

di David Harvey

 

 





Pubblichiamo la traduzione del commento di David Harvey al tanto discusso “Capitale nel Secolo XXI” di Thomas Piketty. Harvey, con spirito critico e un'impostazione di ragionamento marxiana, ha il merito di evidenziare l'erronea concezione di capitale secondo Piketty – il capitale non viene inteso come processualità relazionale – e le contraddizioni che ne scaturiscono. 

mercoledì 28 maggio 2014

lunedì 19 maggio 2014

Classi in lotta in un mondo in rovina

CLASSI IN LOTTA IN UN MONDO IN ROVINA

LA DISGREGAZIONE DELL’UCRAINA È L’ULTIMO PASSO
VERSO IL DIFFUSO SFALDAMENTO DELL’ASSETTO STATALE INTERNAZIONALE
PROVOCATO DALLA DECOMPOSIZIONE DEL MODO DI PRODUZIONE CAPITALISTICO

Dino Erba
2014

Dall’emergenza umanitaria alla catastrofe planetaria

Dall’emergenza umanitaria alla catastrofe planetaria
Migrazioni, sfruttamento e razzismo: una miscela esplosiva
Dino Erba
2014


il comunismo dei consigli, spunti di riflessione

Il comunismo dei consigli
spunti di riflessione


Philippe Bourrinet
2014

martedì 4 marzo 2014

contro gli interventi imperialisti in ucraina

contro gli interventi imperialisti in ucraina


Contro ogni nazionalismo borghese, per l’unione internazionalista del proletariato contro i suoi sfruttatori

coc-combat

martedì 19 marzo 2013

Decrescita felice e Chiesa povera



Decrescita felice e Chiesa povera
Un perfetto ossimoro
Frutto marcio del binomio Latouche-Francesco I



Il tempo passa, ma l’orizzonte economico è sempre cupo. Peggio. Le tensioni sociali crescono e in molte aree del mondo sono sfociate in guerre, più o meno civili. Non è uno scenario rassicurante. Soprattutto perché dimostra che il modo di produzione capitalista non funziona così bene come ci dicevano pochi anni fa. Inevitabilmente, sorgono proposte alternative, che prospettano un diverso modo di produzione. E ce ne per tutti i gusti. Le varie proposte, pur riflettendo situazioni assai differenti, e spesso contrastanti, cercano di conciliarsi tra loro, proponendo soluzioni compatibili con il sistema complessivo, ovvero con il modo di produzione capitalistico. Pur criticandolo aspramente. O meglio criticandone aspramente le presunte distorsioni, che invece sono consustanziali al sistema.
Sperequazione dilagante

mercoledì 6 marzo 2013

Vita e morte di Holger Meins



Letture di classe
Gerd Conradt, Starbuck. Il corpo come arma.
Vita e morte di Holger Meins,
Zambon, Francoforte, 2012. Fotolibro, pp. 184. € 20.

 


Starbuck è il nome del nostromo del Pequod, la nave del Moby Dick di Melville. Ma era anche il nome di battaglia di Holger Meins, lasciato morire di inedia il 9 novembre 1974, nel carcere di Wittlich, dove era detenuto per «terrorismo» dal giugno 1972. Holger Meins era un artista, si occupava di pittura, fotografia e cinema. Come mai finì, o meglio come mai fu gettato nel «terrorismo»?

Ci dà una risposta il libro in cui Gerd Conradt raccoglie numerose testimonianze di familiari, compagni e amici di Holger che ci offrono una panoramica intellettual-politica e artistica degli anni Sessanta e Settanta in Germania, ravvivata con le immagini proposte da Fabio Biasio, tra cui le copertine di «Ottocentottantatre», giornale di Agitazione e politica socialista.

domenica 3 febbraio 2013

Il Monte dei Paschi e la sinistra cialtrona


Il Monte dei Paschi e la sinistra cialtrona
Per non dir fascista … che sarebbe un complimento!


La porcheria è sotto gli occhi i tutti, e poco ci sarebbe da aggiungere. Ogni giorno che passa se ne scoprono di nuove. Di porcherie I sinistri manutengoli politici dello sporco affare Monte dei Paschi di Siena si tagliano da soli l’erba sotto i piedi. E il Bersani sbranante si confonde con il suo satirico avatar … il Crozza. C’è poco da fare, questi sono gli imbecilli che ci passa oggi la politica spettacolo della borghesia.

venerdì 1 febbraio 2013

Ripensare Marx e i marxismi



Ripensare Marx e i marxismi
di Alfio Neri

Marcello Musto, Ripensare Marx e i marxismi. Studi e saggi, Carocci, Roma 2011, pp. 373. € 33
Il modo di leggere Marx è cambiato negli ultimi anni. Gli scritti sono (quasi) sempre quelli ma sono intervenuti due fattori nuovi che hanno cambiato molte cose.